Bambino

Perché non svegliare i bambini mentre dormono

Non svegliare i bambini

Perché non si devono svegliare i bambini mentre dormono?
Il sonno dei bambini è una delle maggiori preoccupazioni di tutti i genitori.
Però anche l’allattamento e l’acquisizione dei ritmi sonno-veglia lo sono.
Riguardo il non svegliare i bambini mentre dormono ci sono scuole di pensiero contrastanti. Proprio per l’incidenza che il sonno ininterrotto ha sul nutrimento dei bambini e sulla cognizione dell’alternanza notte-giorno.
L’indicazione che sembra appartenere alla maggior parte dei medici, oltre che dei genitori, è che, se non ci sono problemi di crescita, il neonato non va svegliato. Ciò è ancora più importante per i bambini che non hanno un sonno regolare.

Differenza tra bambini allattati al seno e artificialmente

Molti pediatri fanno una differenziazione tra bimbi allattati al seno e quelli nutriti artificialmente. I neonati che assumono il latte artificiale, dovrebbero essere svegliati. La regolarità dei pasti con latte artificiale è funzionale alla corretta crescita del bambino e permette anche una corretta digestione.
Gli allattati al seno, invece, di solito sono più capaci di regolare il loro sonno in relazione alle esigenze nutritive. L’allattamento a richiesta permette ai neonati di stabilire da soli i propri orari attraverso la segnalazione dei bisogni personali.

non svegliare i bambini

Perché non svegliare i bambini mentre dormono

Il sonno comporta diversi vantaggi per i neonati.
Il sonno REM favorisce lo sviluppo cerebrale. I bambini hanno un diverso ritmo del sonno rispetto agli adulti. Nel neonato il sonno attivo, cioè la fase REM, è proporzionalmente più lunga. Diversi studi hanno dimostrato che il sonno attivo favorisce gli sviluppi cerebrali.
Dormire consolida memoria e apprendimento.
Inoltre, il riposo favorisce la secrezione dell’ormone della crescita e rafforza il sistema immunitario. Uno studio dell’Emory University dimostra il nesso fra sonno e crescita.
Il riposo determina sia una crescita in centimetri, che un incremento di peso e massa grassa. Secondo l’indagine universitaria tuttavia, il sonno incide in maniera differente in relazione al genere dei bambini. Per i maschi l’aumento della crescita dipende da una maggior durata dei periodi di sonno, per le femmine invece occorrono un maggior numero di riposi giornalieri.

Ancora, il sonno consente al cervello di espellere le tossine di scarto prodotte durante la veglia.
Come abbiamo detto sopra, il sonno risponde ai bisogni personali del neonato. Il piccolo si sveglia da solo se ha fame, si sente sporco o non sta bene. Se non sussiste nessuna di queste condizioni perché dobbiamo essere noi la causa del suo risveglio?
Non svegliare i bambini evita anche di renderli irritabili. Come succede anche agli adulti, venire disturbati durante il sonno crea nervosismo.
I bambini che dormono crescono sia fisicamente che cerebralmente, si rilassano e fanno riposare anche noi genitori. Non pensate anche voi siano tutte ottime motivazioni per non svegliare i bambini che dormono?

Articolo PrecedenteProssimo Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *