Neonato, Primi mesi

Neonato 3 mesi: crescita e progressi del bambino

Neonato 3 mesi

Il neonato 3 mesi è un piccolo esploratore che ci sorprenderà ogni giorno con le sue nuove capacità.
I primi mesi di un neonato sono il periodo più bello ma allo stesso tempo forse anche il più difficile. Mamma e piccolo devono conoscersi ed abituarsi l’uno all’altra.
A 3 mesi i progressi neonato riguardano anche la regolarizzazione degli orari di pappa e nanna.
Il terzo mese neonato è caratterizzato però anche da tanti cambiamenti.
Il nostro neonato sta diventando sempre più consapevole delle persone e delle cose che lo circondano.
A livello intellettivo comincia a comprendere le relazioni causa-effetto e le sue capacità motorie migliorano.

Progressi neonato

Il neonato 3 mesi comincia a rafforzare la sua muscolatura e ad essere in grado di controllare alcuni movimenti. Ha un maggiore controllo di collo e testa. E quando è disteso prono riesce a sollevarsi con le braccia, anche solo per pochi istanti. Sa, inoltre, rotolare su se stesso.
Ma non è solo la sua coordinazione motoria ad essere migliorata, anche l’udito ed il tatto.
I bambini di 3 mesi hanno migliorato il loro udito tanto da riuscire ad individuare la fonte di un suono. Anche se non in modo troppo preciso, capiscono dove direzionare lo sguardo.
A tre mesi i piccoli preferiscono i toni acuti a quelli bassi.
Si calmano quando sentono un suono rilassante e ritmico e quando capiscono che la mamma sta arrivando.
Fanno delle facce buffe quando toccano oggetti di consistenze insolite, ad esempio ruvidi o pelosi.

neonato 3 mesi

L’evoluzione neonato di tre mesi riguarda anche il linguaggio. Molti bambini a questa età cominciano a balbettare alcuni suoni.
Se non lo abbiamo ancora fatto, questo potrebbe essere il momento giusto per cominciare a leggergli delle storie. Possiamo inserire una fiaba nella routine della nanna, ad esempio.

Le poppate ed il sonno in generale si sono regolarizzate, anche se le eccezioni ci sono sempre. A 3 mesi in media le poppate sono 5-6. Ma non dobbiamo dimenticare che la frequenza delle poppate di un neonato allattato al seno dipende dalla quantità di latte materno. Altro fattore che incide sulla frequenza è la capacità di riserva del seno materno. Anche le necessità di sviluppo del bambino possono poi determinare un maggiore o minore appetito.
In media il ritmo veglia-sonno è più stabile ed il piccolo dorme più ore consecutive di notte. Molti neonati 3 mesi hanno cominciato a saltare la poppata notturna e a dormire almeno 6 ore consecutivamente.

Crescita neonati

Tutti questi progressi di solito caratterizzano il neonato 3 mesi, ma non trascuriamo le particolarità di ogni bambino. Nostro figlio può avere abilità motorie particolari, ma essere un po’ indietro con il linguaggio. Oppure crescere poco a livello fisico ma avere grandi potenzialità psicomotorie.
Ogni bimbo è un universo a se. È sbagliato generalizzare, così come farsi condizionare eccessivamente dal confronto.

Articolo PrecedenteProssimo Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *