Allattamento, Neonato

Composizione latte materno? Dipende dal sesso del nascituro

Composizione latte materno

Il latte materno non è tutto uguale, varia non solo in relazione alla mamma ma anche al nascituro.
Secondo uno studio dell’Università di Harvard, infatti, la composizione latte materno cambia se si partorisce un maschio o una femmina.
Il neonato riceve quindi un differente mix di nutrienti a seconda del suo sesso.
Se pensavamo di aver letto tutto quello che bisogna sapere sull’allattamento al seno, questa informazione è nuova.

composizione latte materno

Gli scienziati dell’Università statunitense hanno condotto tale studio sulla composizione latte materno di scimmie e mucche. Tuttavia i risultati ottenuti sembrano potersi adattare anche al latte materno umano. Dalle analisi è emerso che la composizione latte materno è più ricca di grassi e proteine per un neonato maschio, più abbondante e con più calcio per una femmina.
Se le stesse conclusioni verranno dedotte anche relativamente al latte materno umano, questo rappresenterà un importante scoperta.
Si potrebbe, infatti, produrre latte artificiale ancora più simile a quello naturale. I benefici di questo latte sarebbero importanti per la crescita dei bambini allattati artificialmente.

Latte materno

La composizione latte materno è ricca di proteine, acqua, vitamine, grassi, zuccheri e fermenti lattici. Il latte materno contiene inoltre, anche se in piccole quantità, ferro.
Se fin ora sapevamo solamente che la composizione latte materno varia in relazione alla crescita del bimbo, da oggi possiamo aggiungere queste nuove informazioni scientifiche.
Il latte materno è importante perché contiene tutti gli ingredienti indispensabili per il bebè. Fornisce nutrimento, aumenta le difese immunitarie e favorisce la crescita. Tuttavia per differenti motivi alcune donne non riescono ad allattare, quindi è necessario ricorrere al latte artificiale. Se si arriverà ad una nuova formulazione ancora più vicina a quella materna, questo progresso migliorerà il benessere dei bambini allattati artificialmente.

latte materno

Secondo i dati raccolti da Katie Hinde, biologa evoluzionista dell’Università di Harvard, le scimmie rhesus mamme di un maschio producono latte con il 35% in più di grassi e proteine. Inoltre, se il figlio è il primogenito, il latte materno è persino più ricco.
Quando invece le scimmie hanno figlie femmine, il loro latte è meno grasso ma ha più calcio per la crescita dello scheletro.
La produzione di latte materno, inoltre, è maggiore per le femmine. Queste devono ricevere più latte perché devono avere lo stesso grasso dei maschi.
Che ne pensate? Sarà vero anche per le mamme umane? In ogni caso, se possiamo, allattare al seno i nostri bimbi è sempre la scelta migliore.

Articolo PrecedenteProssimo Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *