Neonato, Primi mesi

Neonato 2 mesi: lo sviluppo dei sensi e delle abilità motorie

Neonato 2 mesi

Sembra impossibile, ma il tuo piccolo è già un neonato 2 mesi!
Ti senti un po’ più sicura del tuo essere mamma? Ti sembra di conoscerlo un po’ meglio?
Ora probabilmente il tuo bambino ha cominciato a dormire un po’ meno durante il giorno, inizia a tenere ferma e sospesa la testina per qualche istante e riconosce la tua voce!
Prendersi cura di lui potrebbe voler dire risolvere alcune noiose manifestazioni come le coliche, la crosta lattea o le crisi di pianto.
Ma se troverai il modo per affrontare con serenità questi piccoli inconvenienti, vederlo crescere sarà sempre meraviglioso.

Crescita neonato

Rispetto ai suoi primi 30 giorni, il tuo neonato 2 mesi ha migliorato la sua vista. La sua visione è ancora in bianco e nero e solo intorno a 7 settimane inizierà a distinguere anche rosso e verde. Ma ora riesce a cogliere immagini più complesse. Per questo motivo, probabilmente, è più attratto dai tuoi occhi. Forse comincia anche a sorriderti. Tuttavia non illuderti, il suo sorriso non è ancora intenzionale.
Il neonato due mesi riesce però a distingue meglio le voci familiari e tenta di comprendere i suoni circostanti.
Anche il suo livello di attenzione sta migliorando.
Inizia ad avere coscienza del proprio corpo, soprattutto dei suoi arti.
Ti potrà per questo capitare di vederlo divincolarsi nella culla o portarsi il pugnetto alla bocca. Comincia a incrementare il suo tono muscolare, è in grado di sollevare e girare la testa.

neonato 2 mesi

Che sia allattato al seno o con il biberon, il tuo neonato 2 mesi ha imparato a succhiare bene e mangia più velocemente. Probabilmente ha regolarizzato le poppate ad intervalli di circa 3 ore.
Il peso neonato 2 mesi dovrebbe pesare 600-900 grammi in più rispetto ai 30 giorni precedenti. Inoltre il neonato di 2 mesi dovrebbe anche essere aumentato di altri 2,5- 4 centimetri di altezza.

Ma quanto dorme un neonato a 2 mesi?
Di giorno dovrebbe riposare meno rispetto al primo mese, cioè circa 15-16 ore al giorno. Però dovrebbe aver cominciato a comprendere il ritmo giorno/notte e fare intervalli di sonno più lunghi di notte.

Scatti di crescita

Il tuo neonato 2 mesi potrebbe avere degli scatti di crescita. Cioè potrebbe, per un paio di giorni essere più nervoso e affamato. Se lo allatti al seno puoi attaccarlo qualche volta di più in questi giorni. Se invece il tuo bimbo si nutre con il latte artificiale non occorre aggiungere un pasto in più. Magari cerca di rassicurarlo tenendolo un po’ di più tra le braccia o con qualche massaggio.
Gli scatti di crescita possono comportare pianto ed irritabilità, ma determinano anche un’importante crescita bambini.

Un disagio che invece si manifesta ugualmente col pianto, ma non ha alcun risvolto positivo, sono le coliche neonato. Compaiono tra il primo e il secondo mese di vita e si manifestano quasi sempre nel tardo pomeriggio. Le cause delle coliche sono attribuibili a diversi fattori che agiscono insieme. Tra questi l’incompleta maturazione del sistema nervoso e un eccesso di aria nella pancia o nello stomaco. L’accumulo di aria può essere dovuto sia al tipo di suzione che al pianto.

Crosta lattea

Manifestazione anche questa spiacevole ma normale nella crescita neonati è la crosta lattea neonato.
Si tratta della comparsa di piccole croste in testa, squame biancastre, di consistenza morbida, attaccate alla pelle. Si trovano sul cuoio capelluto, ma possono estendersi anche su fronte e sopracciglia.
Il termine scientifico è dermatite seborroica.
Tale dermatite è determinata da diversi fattori. Cause maggiori sono: un funzionamento ancora immaturo dei meccanismi del ricambio cellulare della pelle, un’attività accelerata delle ghiandole che producono grasso e il pityrosporum. Il pityrosporum o malassezia è un particolare fungo, che si nutre di sebo.
La crosta lattea scompare spontaneamente entro massimo 4 o 5 mesi e non richiede somministrazione di medicine. Le crosticine si possono rimuovere, dopo averle ammorbidite con olio di borragine oppure di mandorle dolci. Per asportarle bisogna fare con estrema delicatezza, aiutandosi con una garza sterile.

Articolo PrecedenteProssimo Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *