Mamme

Mamme con figli maschi più stressate, lo dice la scienza

Mamme con figli maschi

Avere un bambino comporta maggiore stress per il corpo materno. Nelle mamme con figli maschi rimangono, dopo il parto, sostanze chimiche che portano possibili infiammazioni.
Questi i risultati di uno studio dell’Università di Granada, dove sono state analizzate 56 donne in gravidanza.

I ricercatori sostengono che i maschi rilasciano più sostanze chimiche rispetto alle femmine.
Tali sostanze possono causare infiammazioni in grado di danneggiare le cellule materne.
I rischi per la salute materna potrebbero essere addirittura a lungo termine. Gli scienziati ritengono che potrebbero persino contribuire allo sviluppo di malattie cardiache, depressione o Alzheimer.
Secondo questa osservazione, il dolore del parto è indipendente dal sesso del bambino. Tuttavia le mamme con figli maschi hanno un maggiore stress.

Relazione tra sesso del neonato e livelli di stress

I maschi sono più aggressivi chimicamente. Dare alla luce un bambino provoca una maggiore circolazione di radicali liberi. Tali sostanze causano una risposta corporea materna simile a quella di un’infezione. Il corpo della madre reagisce come se fosse infetto e ciò può comportare disfunzioni.
Il team ha scoperto che i corpi delle neonate stesse mostrano un minor numero di segni di stress e d’infiammazione, dopo la nascita, rispetto ai neonati maschi.

mamme con figli maschi

Vitamina D

Nelle donne che partoriscono nei mesi invernali, in quelle che hanno preso maggiore peso durante la gravidanza e in dipendenza di fattori genetici, è stato riscontrato un minor apporto di vitamina D. Proprio queste gestanti se partoriscono un maschio sono le più a rischio. Le donne che sanno di partorire un maschio dovrebbero raddoppiare l’assunzione di vitamina D. Chi non conosce ancora il sesso può provare a fare delle previsioni con alcuni test divertenti sul sesso del nascituro.
In ogni caso, la vitamina D è particolarmente importante durante la gravidanza anche per lo sviluppo del bambino.

Dati della relativi allo studio

L’analisi, basata su un campione di 56 donne sane in gravidanza, era finalizzata alla valutazione della risposta dei corpi materni al parto.
Le donne hanno dato alla luce 27 femmine e 29 maschi.
Dopo il parto i ricercatori hanno prelevato campioni di sangue sia dal cordone ombelicale che dai bambini. Sono stati quindi analizzati i livelli del cosiddetto stress ossidativo che si innesca quando il corpo non ha abbastanza antiossidanti per combattere i radicali liberi dannosi.
Gli scienziati hanno scoperto che i neonati maschi hanno causato una maggiore risposta allo stress dalla madre.

Sebbene lo studio non si proponga di monitorare le donne nel corso di tutta la loro vita, il Dr Diaz-Castro, uno degli scienziati, ritiene che, con l’avanzare dell’età, le mamme con figli maschi possano avere una salute peggiore.
Questo studio, pubblicato sulla rivista Pediatric Research, fa da apripista ad un nuovo campo di ricerca incentrato sul sesso del nascituro come fattore di rischio per molte alterazioni funzionali. Tali indagini potrebbero essere quindi davvero importanti anche per prevenire lo sviluppo di determinate patologie.

Articolo PrecedenteProssimo Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *