Mamme

Figlio maschio o femmina? Come decidere quale avere

Figlio maschio o femmina?

Vuoi un figlio maschio o femmina? Questa è una delle prime domande che si pone una coppia quando decide di mettere al mondo un bambino. È noto che questa differenza dipende dal papà, i cui spermatozoi hanno sia il cromosoma maschile Y che il cromosoma femminile X. L’ovulo della mamma invece è solo portatore di cromosoma femminile X. Quindi se sarà fecondato da uno spermatozoo con cromosoma X sarà un maschietto, se sarà fecondato da uno spermatozoo con cromosoma Y sarà una femminuccia. Come fare a deciderlo? Ci sono delle teorie che spiegano come farlo, ma nessuna di loro è provata scientificamente. Andremo a vedere queste ed anche una nuovissima scoperta: l’Indiana University ha scoperto il gene che determina questa differenza. Tante dicerie ed una sola verità!

Figlio maschio o femmina

Il giorno del concepimento determina se sarà maschio o femmina

Come abbiamo detto prima ci sono teorie secondo cui si è in grado di determinare se il bambino che si concepirà sarà maschio o femmina. Tra queste c’è il giorno del concepimento. Significa che la differenza dipende dal giorno in cui si è concepito il bambino. Brevemente si può dire che se quel giorno è nel periodo di ovulazione della donna, sarà maschio. Se la fecondazione invece avviene prima o dopo il periodo di ovulazione, allora sarà femmina. Nel dettaglio: se si hanno rapporti nei giorni dell’ovulazione si andranno a favorire gli spermatozoi Y che sono più veloci. Se si hanno rapporti qualche giorno dopo o prima dell’ovulazione, avranno vantaggio gli spermatozoi X, che sono più resistenti ed hanno maggiore possibilità di trovare l’ovulo da fecondare, e si avrà una femminuccia.

La posizione durante il rapporto determina se sarà maschio o femmina

Anche questa è un’altra teoria secondo cui la posizione scelta durante il rapporto determinerà se il bambino sarà maschio o femmina. Con una penetrazione profonda saranno favoriti gli spermatozoi Y che, essendo veloci ma più deboli, saranno avvantaggiati nell’arrivare all’ovulo. Evitando così la parte iniziale dell’organo femminile, che essendo molto acida può impedire la fecondazione. In caso di una penetrazione meno profonda invece saranno favoriti gli spermatozoi con cromosoma X. Questo perchè (come abbiamo detto prima) sono più resistenti e quindi hanno maggior possibilità di superare la zona acida e raggiungere l’ovulo.

L’alimentazione determina se sarà maschio o femmina

Anche la scelta dell’alimentazione, secondo alcune teoria, aiuta a decidere se si avrà un figlio maschio o femmina. Ingerendo con regolarità alimenti ricchi di sodio, si avrà un bambino. Se invece si consumano alimenti ricchi di calcio si avrà una bambina. Questo perchè si pensa che l’alimentazione nei mesi precedenti al concepimento determini il grado di ph dell’ambiente, che a suo volta determina la differenza. Un ambiente acido favorirebbe il blocco dei spermatozoi Y e quindi sarebbe una femminuccia. Un ambiente basico invece darebbe modo di far nascere un maschietto. Andiamo a vedere gli alimenti pro-maschio e pro-femmina.

  • Alimenti pro-maschio: alimenti ricchi di potassio (verdure a foglia verde, patate, arance, cereali integrali, aglio,uva, banane, mele, pesche, carne…), alimenti ricchi di sodio (frutti di mare, salmone, affettati, formaggi, carboidrati…).
  • Alimenti pro-femmina: alimenti ricchi di calcio (latte, uova legumi, crostacei…), alimenti ricchi di magnesio (fagioli, noci piselli, mais…), alimenti ricchi di rame (fegato di vitella, ostriche, cioccolato, pepe…).

La dieta, secondo la teoria, dovrebbe essere seguita per almeno 60 giorni.

La tabella cinese che determina se sarà maschio o femmina

Un’antica tradizione cinese sembrerebbe essere in grado di prevedere questa differenza. Incrociando il mese del concepimento con l’età della madre sarebbe possibile determinare se sarà maschio o femmina, con il 93% di esattezza. Vediamo alcuni esempi. Se la fecondazione avviene nel mese di luglio quando la madre ha 18, 20, 30 o 42 anni si avrà un maschietto. Se il concepimento avviene nel mese di aprile, quando la madre ha 21, 22 o 29 anni, ci saranno più probabilità di avere una femminuccia.

Figlio maschio o femmina? La verità

Naturalmente queste sono tutte teorie per così dire “popolari” che non hanno alcuna attendibilità scientifica. La verità su questo argomento è stata annunciata di recente dall’agenzia giornalistica dell’ANSA. Alcuni scienziati dell’Indiana University hanno trovato il gene che determina se il bambino sarà maschio o femmina. Si tratta del dsx, un vero e proprio regista in grado di innescare alcuni interruttori che determinerebbero la differenza. “Determina lo sviluppo delle versioni maschile e femminile dello stesso tratto fisico agendo su geni diversi nei due sessi”, come spiega la coordinatrice dello studio, Cris Ledon-Rettig. Una notizia straordinaria che smonta ogni sogno sul prevedere se si avrà un bimbo o una bimba. Non dipende dalla luna, dall’alimentazione, dalla posizione durante il rapporto o dal giorno del concepimento. Ma dipende dal nostro DNA!

Articolo PrecedenteProssimo Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *