Concepimento

Gemelli omozigoti: chi sono e caratteristiche

gemelli omozigoti

Gemelli omozigoti

I gemelli sono due fratelli nati dalla stessa gravidanza. Un’evento abbastanza raro nell’uomo, considerando che solo circa l’1,5% delle gravidanze sono gemellari. Le probabilità di avere una gravidanza gemellare sembrano essere legate a fattori ereditari (da parte materna), alla razza (più numerose tra le persone di colore, minime in quelle orientali) e all’età della madre (più l’età avanza, più aumenta il livello di ormone follicolo stimolante FSH, per cui aumentano anche gli ovuli da fecondare). Le gravidanza gemellari negli ultimi anni sono aumentate e ciò sembra legato sia all’innalzamento dell’età media delle mamme, sia al ricorso sempre più frequente a cure per la fertilità e a fecondazione assistita. Detto questo, è importante sapere che esistono due categorie di gemelli, ovvero:

  • gemelli omozigoti (anche detti gemelli monozigoti, monocoriali o monoovulari),
  • gemelli eterozigoti (detti anche bizigoti, bicoriali o biovoulari).

I gemelli omozigoti sono più rari, in quanto coprono solo il 25-35% delle gravidanze gemellari, contro il circa 65-75% dei gemelli eterozigoti.

Gemelli omozigoti DNA

I gemelli omozigoti sono, per dirlo in modo molto semplice, quelli uguali. Essi derivano dallo stesso zigote (la cellula che si forma durante la fecondazione dall’unione di spermatozoo e cellula uovo), che si divide in due o più parti. Viene quindi fecondato un solo ovulo, che poi si divide in due diversi embrioni entro dieci giorni. Quando lo zigote non si divide completamente(fenomeno fortunatamente raro), si sviluppano i gemelli siamesi, che condividono uno o più organi. A volte i gemelli monozigoti condividono anche la placenta e la cavità amniotica. Ciò dipende da quando la cellula uovo si divide: se accade subito dopo la fecondazione, ogni gemello avrà la sua placenta, se invece accade da quattro a sette giorni dopo, i gemelli avranno la stessa placenta. Una condizione abbastanza pericolosa che può verificarsi è la sindrome trasfusionale feto-fetale, nella quale un gemello sottrae le sostanze nutritive all’altro, impedendone la crescita. Per evitare che ciò accada e intervenire in tempo, è necessario controllare costantemente la crescita dei feti con un’ecografia. I gemelli omozigoti condividono il DNA, hanno quindi lo stesso patrimonio genetico e per questo sono identici e dello stesso sesso. A differenza degli eterozigoti, i gemelli omozigoti maschio e femmina sono quindi impossibili. Ciò non vuol dire che, una volta nati, i gemelli non possano presentare differenze fisiche o che non possa ammalarsi solo uno dei due. Ciò è infatti possibile a causa di eventuali differenti condizioni in cui sono cresciuti (attività fisica, alimentazione, stress ecc…).

gemelli omozigoti maschio e femmina

Gemelli omozigoti ed eterozigoti

Qual è quindi la differenza tra gemelli omozigoti ed eterozigoti? I gemelli eterozigoti sono praticamente due fratelli, nati dalla stessa gravidanza, ma non identici. Questo perché essi non derivano dallo stesso zigote, ma da due o più cellule uovo diverse, fecondate da due o più spermatozoi quasi in contemporanea. I gemelli eterozigoti hanno quindi aspetto diverso (non sono più simili di due normali fratelli) e diverso DNA. Possono quindi, a differenza dei gemelli omozigoti, essere maschio e femmina. Un caso raro, ma possibile, è quello di gemelli eterozigoti con padri diversi, nati quindi dalla fecondazione di due ovociti distinti a breve distanza di tempo, ma in due rapporti differenti.

Articolo PrecedenteProssimo Articolo

18 Comments

  1. Taxi moto line
    128 Rue la Boétie
    75008 Paris
    +33 6 51 612 712  

    Taxi moto paris

    Wow, fantastic blog format! How long have you been running a blog for?
    you make blogging glance easy. The total glance of your
    website is fantastic, let alone the content material!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *